T’accumpagn vico vico… da Concettina ai Tre Santi

Camminare tra i vicoli di Napoli fino alla Sanità, il naso all’insù, assaporare la vita, la storia, l’arte, il passato, la cultura.

I palazzi antichi, il Cimitero delle Fontanelle, le Catacombe. La risata di Totò che riecheggia nell’aria.

E qui, nel cuore pulsante della città, sorge la Pizzeria Oliva, o “Concettina ai Tre Santi”, nome che proviene dall’omonima bisnonna di Ciro Oliva che nel 1951 sfornava le sue famose pizze fritte per tutto il Rione, proprio accanto all’edicola votiva di tre santi.

E’ il 2 maggio, è il mio compleanno (i primi ventisette!), e ho deciso che uno strappo alla dieta perenne me lo meritavo decisamente.

Come al solito c’è parecchia gente qui fuori che “spuzzulea” mentre aspetta, ormai è tradizione.

Si inizia con l’antipasto di “Montanarine” fritte, da mangiare rigorosamente in piedi fuori il locale durante l’attesa per il tavolo: meraviglia pura che si scioglie in bocca.

18222378_828583813957736_3922379092883622034_n

 

Poi un piccolo aperitivo offerto dalla casa, spumante e (ancora, per la gioia di chi ha favorito) mini Montanarine.

La difficilissima scelta della pizza, il menù che sembra un libro di fiabe, l’acquolina in bocca.

Alla fine ci siamo riusciti.

Una “Fondazione San Gennaro” (con miracolo, of course), con provola, pomodoro, briciole di tarallo e cornicione ripieno di provola e salame, l’intramontabile Margherita, una Pizza Fritta, la “Concettina”, un concentrato di sapori, e infine la pizza must della serata: “O Rraù” , con carne di manzo e di maiale, “tracchie”, polpetta, sugna, pepe e parmigiano.

E qui, al primo morso sono tornata bambina, la domenica a casa della nonna, quando si svegliava all’alba per iniziare a preparare il ragù, perchè “ce vò tiemp a’ nonn, deve pappuliare”, e una volta pronto c’era il cuzzetiello di pane intinto direttamente nella pentola che se non ti sporchi le mani e la faccia non lo stai facendo bene.

Qui c’è la migliore pizza della città, una delle migliori in assoluto al mondo, azzarderei.

Dagli ingredienti all’impasto, dal profumo al sapore: è pura magia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Qui, si respira calore, tradizione, storia. Il personale disponibile, cordiale e attento, l’ambiente caldo e rassicurante, il profumo che inebria.

E’ un luogo che trasmette gioia,  allegria, ma anche tanta generosità: l’idea della “Pizza Sospesa”, nata con il proposito di aiutare chi una pizza, per noi così scontata, non può permettersela, ha avuto un successo enorme. E così ogni altra iniziativa portata avanti dalla famiglia Oliva.

Si dice che il cuore dei napoletani batte in maniera diversa rispetto agli altri, e magari è proprio così.

Voto, 10 +!

 

 

 

 

 

7 Comments

Add yours →

  1. Mamma che bontà … sono proprio golosaaaa!!!

    Mi piace

  2. Questa pizzeria è andata anche in una trasmissione televisiva

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: